Le persone ricche pensano: io creo la mia vita

“Le persone ricche pensano: io creo la mia vita. Le persone povere pensano: la vita mi accade”. (T. Harv Eker)

Come si può voler creare ricchezza ed essere convinti che la nostra vita dipenda da altri?

Il mio ‘rich mentor’ diceva: “Se vuoi avere successo e in particolare successo finanziario devi imparare a pensare che tutto dipende o può dipendere da te; se aspetti le cose dagli altri, ben presto ti sentirai una vittima perché gli altri difficilmente ti daranno quello che ti aspetti, e se ti senti una vittima, ragionerai da vittima e agirai da vittima e in men che non si dica ti ritroverai ad avvilupparti nei tuoi pensieri e nei tuoi comportamenti come un cane che si morde la coda”.

Gli indizi della vittima secondo Harv Eker

Ed in effetti gli indizi della vittima, secondo Eker sono tre.

Il biasimo: ritorniamo al discorso relativo alla cultura degli alibi. Ci sono persone capaci di additare decine e decine di eventi e circostanze ‘colpevoli’ di aver impedito il loro successo, senza mai mettersi in discussione e additare loro stessi come unica vera causa del loro fallimento. Ricordate però quel detto secondo cui ‘quando un dito indica gli altri, ci sono tre dita rivolte verso voi?’

La giustificazione: avete ….. Clicca qui per leggere l’articolo completo

firma