Leva Finanziaria + TEST

Attraverso l’Effetto Leva (leverage in inglese), i derivati consentono di acquistare o vendere attività finanziarie per un ammontare superiore al capitale posseduto e di beneficiare quindi di un rendimento potenziale maggiore rispetto a quello derivante da un investimento diretto nel sottostante.

L’effetto moltiplicatore

Il funzionamento della leva – almeno in teoria – è semplice, considerato che esprime il rapporto tra il valore delle posizioni aperte e il capitale investito. Proviamo a chiarire meglio il concetto immaginando di voler impiegare 100 euro per fare trading sul Forex e di poter contare su un effetto leva (la soglia è stabilita dal broker prescelto, in pratica il soggetto che ci presta i soldi) fino a 400: nei fatti significa che stiamo muovendo sul mercato 40mila euro.
Così, se otteniamo un profitto di 1, grazie all’ effetto leva mettiamo in tasca 400 euro (l’effetto leva ci consente quindi di guadagnare 399 euro in più). Il rischio massimo sarà di perdere la somma che inizialmente volevamo investire (i 100 euro dell’esempio). Ovviamente, quanto più è alto l’effetto leva, tanto più cresce il rischio che si assume con l’investimento: così, muovendosi con poca prudenza si rischia di azzerare facilmente i propri risparmi.

Perché sopravvive

Visti i rischi, va comunque sottolineata l’opportunità offerta dall’effetto leva al singolo investitore in strumenti derivati. A maggior ragione in un mercato come quello valutario, dove le oscillazioni giornaliere spesso sono molto contenute, e senza il leverage non vi sarebbe un afflusso importante di capitali.
Ragion per cui, nonostante tante critiche, l’effetto leva non può essere in alcun modo vietato. Piuttosto andrebbe regolamentato l’uso di alcuni strumenti che possono risultare pericolosi laddove fanno un ricorso senza limiti all’effetto amplificatore della leva e vengono maneggiati da investitori non esperti.

Il margine nel forex

Il margine stabilisce la quota di capitale che deve essere utilizzata come garanzia per aprire una trade.
Il margine è legato alla leva in maniera inversamente proporzionale: più la leva è alta più il margine richiesto è basso; viceversa più la leva è bassa, maggiore è il margine richiesto.
La formula per calcolare la percentuale richiesta dal broker per il margine è:
Margine in % = 100/rapporto di leva

E quindi il margine richiesto per ogni singola trade è dato da:
Margine richiesto per trade = Prezzo corrente * Unità scambiate * Margine in %

LevaMargine
1:1010%
1:502%
1:1001%
1:2000.5%
1:4000.25%
leva-finanziaria-marginazione-01

Esempio:

Ipotizziamo di avere un conto di 2000$, se opero con una leva di 100:1 e acquisto un Mini Lotto (valore nominale 10.000$) su EUR/USD.
Margine in % = 100/100 = 1% = 0,01
Margine richiesto per trade = 1,3630 * 10000$ * 0,01 = 136,3$

Questi 136,3$ o l’equivalente nella valuta del conto vengono “bloccati” come garanzia per poter coprire eventuali perdite e non possono essere usati per aprire nuove posizioni.
Quello che rimane nel mio conto calcolando anche i profitti e/o le perdite delle posizioni aperte è definito Margine utilizzabile che può essere quindi utilizzato per aprire nuove posizioni.

Più posizioni apro contemporaneamente, più il mio margine utilizzato salirà e quello utilizzabile diminuirà.
Quando il margine utilizzabile arriva a zero, scatterà la margin call e il broker chiuderà automaticamente la/le posizioni aperte per evitare che possa perdere più di quanto abbia sul conto.

Ora forse risulta più chiaro il perché la leva è pericolosa se non si conosce come funziona. Il rischio infatti è quello di aprire troppe posizioni e/o posizioni troppo grandi rispetto al proprio account. Nel caso il mercato giri contro di noi, il margine utilizzabile potrebbe arrivare a zero facendo scattare la margin call.

La leva come amplifica i guadagni amplifica anche le perdite quindi, come nell’esempio di prima, se investo 1000$ con leva a 1:100 controllo una posizione equivalente a 100.000$. Una variazione in negativo dell’1% causa una perdita di 1000$ cioè il 100% del mio capitale investito!!

CONCLUSIONE:
Prendiamo quindi leva e margine per quello che sono e non facciamoci spaventare.
La leva è uno strumento tramite il quale possiamo avere accesso al mercato del forex avendo la possibilità di controllare somme che non potremmo negoziare altrimenti.
Il margine è un requisito che il broker chiede a copertura di eventuali perdite.

Anche se abbiamo la possibilità di aprire numerose grandi posizioni, non significa che siamo obbligati a sfruttarla appieno. E’ consigliabile quindi non tradare troppo a margine, ma applicare un corretto uso del money management per non rischiare di essere soggetti a una margin call.

Temi Correlati: Pips – Lotti – Calcolatore di Margine

TEST sulla Leva Finanziaria e Margine

Vediamo il tuo livello di conoscenza sulla Leva Finanziaria e il Margine.
Ti ho preparato 7 Domande a cui devi rispondere in 2 Minuti, se vuoi puoi usare la calcolatrice.

P.S. Prima di fare Questo Test ti consiglio di studiare bene questo argomento importantissimo, adoperare la Leva può essere una manna dal cielo SOLO se sappiamo adoperarla.
È come se possiedi una F1 che sfiora i 400 km/h, se sei un fuoriclasse VINCI se non sai guidare MUORI.

[sws_toggle1 title=”Invia Suggerimento” closed=”true” jui_theme=”ui-smoothness” duration=”500″]

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio (richiesto)

[/sws_toggle1]

firma